Parliamo di salute. Guida ai progressi medici negli anni Duemila

14.00

Parliamo di salute
Guida ai progressi medici negli anni Duemila
di Daniele Bracchetti

Disponibile

COD: 978-88-491-5552-5 Categoria: Tag: , ,

Descrizione

Nel rapporto tra medico e paziente la visita è oggi sempre più sosti-
tuita, quasi surrogata, dalle indagini strumentali. Che sia il semplice
esame del sangue o un’ecografia, fino alla più complessa tomografia
assiale computerizzata, il medico ricorre di preferenza a questi ac-
certamenti, limitando il contatto umano che la visita medica un tem-
po consentiva.
Ne consegue una maggiore difficoltà per i pazienti a comprendere il
proprio stato e a orientarsi in un ambito in cui si dà spesso per scon-
tata la conoscenza della terminologia specifica e delle tecniche dia-
gnostiche.
Ci viene in soccorso l’autore, che a partire dalla propria esperienza
sul campo, e dall’evoluzione della pratica medica negli ultimi cin-
quant’anni, fornisce utili indicazioni per districarsi nei meandri del
sistema sanitario, ci aiuta a comprendere quali sono e come funzio-
nano i mezzi diagnostici oggi disponibili, e come sono cambiate l’as-
sistenza sanitaria ambulatoriale e ospedaliera, soffermandosi, infine,
su alcune diffuse patologie, come l’infarto e l’ulcera.

DANIELE BRACCHETTI è specialista in Cardiologia e Medicina interna, e libe-
ro docente in Patologia medica. Ha lavorato per anni presso l’Istituto di
Cardiologia dell’Università di Bologna occupandosi di aritmie e infarto.
Ha poi diretto la Divisione di Cardiologia dell’Ospedale Maggiore di Bo-
logna. Oltre all’attività clinica, è autore di circa trecento pubblicazioni su
argomenti a carattere cardiologico, tra le quali si ricordano Clinica e Te-
rapia delle Aritmie (Piccin, 1998), La morte improvvisa (Excerpta Medi-
ca, 2000), Come prendersi cura del cuore (Clueb, 2010) e Le aritmie
nella pratica clinica (Piccin, 2016).

Informazioni aggiuntive

pagine

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Parliamo di salute. Guida ai progressi medici negli anni Duemila”