Mettere in ordine il mondo?

22.00

Mettere in ordine il mondo?
Cinque studi sul Pasticciaccio

a cura di Mauro Bignamini

Momentaneamente non disponibile

Descrizione

Filo conduttore del lavoro è l’esplorazione del romanzo Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, ultima e tormentatissima fatica dello scrittore. L’oggetto dell’indagine è traguardato da differenti angolature, che dovrebbero restituirne, o almeno suggerirne, la prismatica complessità, senza perdere di vista il nesso che lega, in circolo ermeneutico, le questioni generali (ad es. il riuso del poliziesco) all’esame delle singole zone testuali (ad es. lo splendido passo del ritrovamento del cadavere). La solidarietà tra i diversi saggi è anche metodologica e comporta un’attenzione privilegiata ai dati espressivi, alla rete dei rapporti intertestuali e agli intrecci, sempre molto fitti, col resto dell’opera, specie con la produzione che orbita attorno al romanzo (soprattutto Eros e Priapo). Il titolo del volume funge anche da ipotesi critica. Nella dimensione atemporale dell’inconscio, in cui gli avvenimenti per tutta la seconda parte sembrano sprofondare, lo «gnommero» invade tutti i livelli dell’esperienza, ineliminabile come il «male oscuro» della Cognizione, come il «quanto di erotia» che soggiace a individui e collettività. Il poliziesco, nelle mani di Gadda, diventa così una «forma vuota» sottoposta a spiazzanti effetti di senso: proprio il genere deputato, almeno nel suo statuto originario, al ristabilimento della razionalità decreta lo scacco della ragione e del suo programma più ambizioso, quello di «mettere in ordine il mondo».

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Mettere in ordine il mondo?”