L’avanguardia radicale di Marcello Gallian

31.00

L’avanguardia radicale di Marcello Gallian

a cura di Renzo Cremante

Disponibile

COD: 978-88-491-3624-1 Categoria: Tag: , ,

Descrizione

Il volume raccoglie gli Atti di un convegno promosso dal Centro di ricerca sulla tradizione manoscritta di autori moderni e contemporanei dell’Università  di Pavia nei giorni 17 e 18 dicembre 2008: a quarant’anni dalla morte di Marcello Gallian (1902-1968). L’ambizione di avviare, nella circostanza, una non improvvisata indagine storica e critica sulla molteplice personalità  e sull’opera rimossa e diseguale di uno scrittore e artista generalmente escluso dalle tavole ufficiali e dai prontuari d’uso della storiografia letteraria novecentesca, trovava un vantaggioso fondamento documentario nell’archivio dello scrittore, approdato al Fondo Manoscritti nel 2002. Le relazioni presentate al convegno ripercorrono – per exempla, ma forse per la prima volta in maniera articolata e coerente – l’intera, accidentata carriera di Gallian, nel suo vario e tormentato dispiegarsi tra letteratura, teatro e pittura, alternando l’analisi dei testi alle sintesi storiografiche e critiche. Se ne ricava, alla fine, un quadro complessivo che dallo scrittore romano trascorre alla vita culturale dell’Italia fascista, con particolare riguardo al milieu avanguardista, geograficamente e culturalmente periferico rispetto al calamitante polo fiorentino, dagli umori spericolatamente anarchici e antiborghese, indocile a qualunque possibilità  d’inquadramento.
Oltre a ricostruire le coordinate storicoideologiche dello scrittore, i saggi raccolti analizzano, fra l’altro, il rapporto con gli editori e le collaborazioni giornalistiche; i procedimenti stilistici e formali del “delirio barocco” (Contini) della prosa di Gallian; l’itinerario sperimentale del drammaturgo, contrassegnato dalle stesse spinte trasgressive operanti nelle prove narrative.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’avanguardia radicale di Marcello Gallian”