L’infanzia abbandonata nell’Italia del Rinascimento

27.00

L’infanzia abbandonata nell’Italia del Rinascimento
Strategie di assistenza a confronto: Bologna e Firenze
di Nicholas Terpstra

Traduzione e cura di Mauro Carbone

Sfoglia le prime pagine

Disponibile

COD: 978-88-491-3863-4 Categoria: Tag: , , , ,

Descrizione

Nelle città italiane del Rinascimento una elevata percentuale della popolazione era costituita da ragazze e ragazzi di età inferiore a quindici anni. Per i minori era frequente rimanere orfani per la morte di un genitore o venire abbandonati a causa delle condizioni di estremo disagio o povertà in cui versavano tante famiglie. In società in cui coloro che governavano amavano presentarsi come “padri”, la presenza di un gran numero di minori senza casa costituiva una sfida e un’opportunità.

A Bologna e a Firenze autorità civiche e istituzioni private sperimentarono la costituzione di orfanotrofi per accogliere un numero crescente di ragazzi abbandonati. L’Autore esamina la costituzione e la gestione di questi istituti, le procedure di ammissione di ragazzi e ragazze, la vita quotidiana all’interno delle case, l’educazione impartita e le procedure di uscita al termine della permanenza. L’Autore analizza inoltre il ruolo di indirizzo e controllo svolto dalle autorità cittadine e ci spiega perché gli orfanotrofi di Bologna e Firenze finirono per operare secondo modalità assai differenti. L’Autore sostiene che le case bolognesi erano meglio gestite, avevano più cura dei loro assistiti e riuscivano con più efficacia a reinserirli nella società. Le case fiorentine erano più grandi, le condizioni di vita interne erano peggiori e minore era lo sforzo degli amministratori di reintegrare gli assistiti nella vita cittadina.

Magnificamente documentata e ricca di spunti biografici, la ricerca rivela come genere e condizione sociale condizionassero il funzionamento dei singoli istituti nell’ambito delle distinte reti cittadine e mostra come fattori politici, scelte assistenziali e dinamiche economiche abbiano condizionato la formazione dello Stato nella prima età moderna.

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 14.5 x 21 cm
pagine

Formato

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’infanzia abbandonata nell’Italia del Rinascimento”