Un pregiudizio molto diffuso riguarda la valutazione dell’apprendimento. Da adulti frequentare un corso, terminarlo con successo in un tempo determinato, superare un eventuale esame con un voto positivo, è il più delle volte un mito irraggiungibile e quasi sempre fuorviante. Riduce le opportunità di crescita, di aumento delle proprie conoscenze. Nella formazione e nell’aggiornamento degli adulti, ma spesso vale anche per gli studenti più giovani, l’obiettivo deve essere l’apprendimento di nuove conoscenze. Questo obiettivo si raggiunge ripetendo liberamente, leggendo e rileggendo le stesse pagine (a volte sudate). Ottenere un elevato punteggio in un test finale è del tutto secondario.
In questi anni di profondi cambiamenti nel mondo della formazione e dell’editoria, ci aspettiamo che prodotti che aiutino i nostri lettori ad aggiornarsi e ad acquisire nuove conoscenze, possano avere un certo successo.
Presto inizieremo a produrre corsi di formazione (in formato digitale) che nei nostri desideri dovrebbero costituire un vero e proprio canale alternativo di distribuzione di contenuti culturali. Attraverso di essi,  nei ritmi e nei tempi del lettore e non in quelli dell’istituzione, sarà possibile raggiungere gli obiettivi di formazione e aggiornamento che i nostri lettori amano darsi.
Non ci saranno esami in date stabilite, ci saranno guide e test di valutazione per aiutare il lettore a misurarsi e a ripetere e migliorare dove sarà necessario.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento